Doppia preferenza, il Governo ricorre ai sottosegretari per bocciare la proposta Gitti

0

La proposta ha rischiato di creare un piccolo, nuovo, terremoto nella maggioranza che sostiene il governo Renzi. E al dunque al Pd sono serviti perfino i voti dei sottosegretari per stoppare la proposta di Gregorio Gitti (Per l’Italia): 277 i sì, 297 i no e 1 astenuto.

Il deputato bresciano, sostanzialmente, aveva proposto di introdurre la doppia preferenza con il vincolo dell’alternanza uomo-donna. “L’elettore – si leggeva nell’emendamento bocciato per un soffio – può manifestare un massimo di due preferenze, esclusivamente per candidati della lista da lui votata, purché siano di genere differente”.

Decisivo per la bocciatura dell’emendamento (che avrebbe fatto saltare l’accordo tra Pd e Forza Italia, introducendo le preferenze) è stato anche il voto degli esponenti del Governo. Oltre i ministri Boschi, Mogherini e Orlando, infatti, nel momento decisivo erano presenti ben undici sottosegretari.

Esortando a votare a favore dell’emendamento, Gitti aveva avvisato che sarebbe stata l’ultima occasione per affrontare la questione delle quote per le donne, perché  "il Senato non cambierà nulla". A favore dell’emendamento Gitti si era subito espresso, il Movimento 5 Stelle, e Ignazio La Russa (Fratelli d’Italia) che aveva aggiunto la sua firma al testo. Ma anche Rosy Bindi che aveva dichiarato: "Noi donne del Pd non siamo qui per la generosità di nessuno. Dobbiamo far valere l’importanza di questa regola democratica per tutto il paese".  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ci sarebbe pure il coseddetto panachage, un’opzione del tutto sconosciuta che così funziona: l’elettore riceve due schede. Sulla prima espime il voto cosiddetto di lista (al partito, al movimento) e sull’altra una sola preferenza che può essere data anche ad un candidato non appartenente alla lista prescelta. Il tutto, senza premi di maggioranza, consegnerebbe definitivamnete nelel mani dei cittadini e non dei partiti le sorti della rappresentanza parlamentare, ovviamente con un sistema proporzionale legato alle singole liste vincenti. Un’idea che farebbe tremare tutti, ma proprio tutti i politici in circolazione. Ogni tanto anche i sogni fanno piacere…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome