‘Ndrangheta a Brescia, Belotti e Bertuzzi (Idv): subito un tavolo in prefettura con enti locali e regione

2

“La presenza della ‘ndrangheta a Brescia ha raggiunto ormai livelli che superano ampiamente lo stato di emergenza e la responsabilità della politica è sotto gli occhi di tutti. Continuare a ignorare gli appelli di magistratura e inquirenti è molto grave. Servono misure adeguate all’emergenza che, giorno dopo giorno, evidenzia quanto sia profondo il radicamento della criminalità nel tessuto produttivo bresciano.”

Ad affermarlo in una nota congiunta il Commissario IDV di Brescia, Claudio Belotti, e il Sub Commissario, Massimo Bertuzzi a seguito della nuova indagine che ha portato all’arresto di nove persone e il sequestro di 100 immobili tra abitazioni, autorimesse, terreni, magazzini e fabbricati, oltre a quote societarie, per un importo complessivo di 12 milioni di euro.

“Quello che più deve far riflettere le Istituzioni è la facilità con cui determinati personaggi riescano ad aggiudicarsi appalti pubblici, anche molto importanti, nonostante le recenti modifiche stringenti alle norme in materia di lotta alla mafia negli appalti pubblici. Fermo restando l’esito delle indagini, bisogna che le istituzioni intervengano in modo più concreto per evitare l’infiltrazione mafiosa.  Vista la preoccupante situazione che si registra nella nostra provincia – hanno concluso Belotti e Bertuzzi – è indispensabile convocare al più presto un vertice che riunisca la Prefettura, la regione e gli enti locali per fare il punto della situazione e avviare una più efficace strategia di contrasto alla criminalità organizzata. Evidentemente quello della prevenzione rimane il punto nevralgico di una adeguata azione di contrasto all’infiltrazione mafiosa nell’economia legale. In modo altrettanto evidente esistono ancora aspetti che necessitano di essere rivisti e migliorati, come, ad esempio, la circolazione delle informazioni e i controlli preventivi sulle società vincitrici di appalti e sub appalti o istituire un tavolo permanente per il contrasto alla criminalità organizzata che coinvolga anche camera di Commercio e Associazioni di categoria e di settore”.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Commissario e Sub Commissario? Beh se sono dei poliziotti invece di pensare ai vertici agiscano! Se invece sono i Commissari liquidatori del fu partito idv pensino a liquidare i creditori,ecc

  2. Commissario, sub commissario, ma la struttura politica dove si trova ? Non c’è nememeno il numero minimo di scritti per far celebrare un Congresso Provinciale: l’IDV, come ben ha detto domenica scorsa a Brescia il pentastellato On.le Di Battista, si è suicidata ed è scomparsa nel momento in cui ha dato spazio e credito ai vari De Gregorio, Scilipoti, Razzi, Formisano. Ai quali aggiungerei le decine di "commercianti di voti" che Di Pietro ha incautamente assecondato e benedetto anzichè portare avanti chi si era lealmente speso nei primi sei anni di anonimato del Movimento nelle Istituzioni. L’esatto contrario di ciò che ha fatto e fa Grillo. E non a caso la differenza, soprattutto in termini di consenso, si vede alla grande. Lo ha ammesso, assai tardivamente, lo stesso Di Pietro.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome