Abbassate le aliquote, aumentati gli sgravi: Del Bono diminuisce le tasse in citta’

3

Dalle promesse ai fatti. E’ diventata una vera e propria manovra aggiuntiva al preventivo di bilancio l’intenzione di sindaco e Giunta di abbasare tasse e tributi locali alla luce delle novità introdotte dal Governo, che ha rivoluzionato, non solo nei nomi, i balzelli dovuti per i servizi comunali legati ad abitazioni e rifiuti: Iuc, Imposta Unica Comunale, comprende da quest’anno la Tasi, Tassa sui Servizi Indivisibili, l’Imu per seconde case e immobili produttivi (negozi, laboratori, fabbriche, terreni), e la Tari, la Tariffa Rifiuti.  

Meno tasse sulla prima casa, nessun aumento della tassa sui rifiuti per le abitazioni private, tagli delle tasse per le attività produttive e più esenzioni dal pagamento dell’addizionale Irpef comunale. Questo l’intervento presentato ieri da Emilio Del Bono e dall’assessore Paolo Panteghini, accompagnati dal ragioniere capo della Loggia Alessandro Beltrami.

In concreto i cittadini godranno dell’innalzamento della no-tax area dell’addizionale Irpef da 12 a 13 mila euro. In totale saranno in 52.176 (pari al 37%) a beneficiarne. Per quanto riguarda l’abitazione non si pagherà nulla per rendite catastali fino a 400 euro, in concreto il 31,7% dei proprietari di prima casa non verserà nulla alle casse comunali. Vi saranno inoltre detrazioni di 100 euro fino a una rendita di 500 euro e di 50 euro fino a una rendita di 700 euro.

Sulle seconde case e gli altri fabbricati i proprietari si vedranno innalzare l’aliquota dal 10,6 all’11,4 per mille per effetto dell’addizionale, ma il 20% si potrà dedurre dal reddito. La vera novità, non proprio positiva, è che da quest’anno anche gli inquilini non proprietari dovranno pagare una parte di aliquota nella misura del 20% sullo 0,8 per mille dell’addizionale.

Questione rifiuti. La nuova Tari sarà più leggere di circa il 10% rispetto al 2013, quando ci fu tra le altre cose il balzello degli 0,30 euro in più a metro quadrato deciso dal Governo. La novità introdotta dalla Loggia è che vi saranno detrazioni significative, dal 15 al 25%, per le attività produttive.

Scadenze. Per Tasi e Imu saranno previste due rate, il 16 giugno e 16 dicembre, mentre per la Tari anche una terzaintermedia il 16 settembre.

Il sindaco, soddisfatto del provvediamento presentato ieri, ha commentato così sulle colonne di Bresciaoggi: «La scelta politica è avvantaggiare il ceto medio e le fasce popolari abbattendo le tasse sulla prima casa. Andiamo persino in controtendenza rispetto alla mini Imu del 2013, con una micro manovra che dovrà essere ulteriormente espansa. Non solo, per le attività produttive il combinato disposto tra calo tassa rifiuti e Imu dà comunque un calo. Rimane aperta la fascia di proprietari di seconde case, ma essendo anche proprietari di prima casa avranno comunque un beneficio». Ha poi aggiunto: «Il lavoro non è finito e l’abbattimento del debito deve continuare. L’obiettivo del quinquennio cioè arrivare ad un livello di tasse ragionevoli consolidando anche la spesa siamo convinti potrà essere raggiunto».
(a.c.) 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

3 Commenti

  1. Finalmente cose concrete ! Sono lontani i sogni di cubi bianchi, le spese folli per abbattere pensiline, costruire inutili e costosi parcheggi sotto il Castello, rimettere in piedi con altissimi costi orrende statue, e le puerili scelte razziste di togliere panchine. Quanti soldi dei Bresciani ( o dei padani, come qualcuno li chiama ) buttati via !

  2. di concreto vedo solo una marea di gazzavugli inutili con deduzioni detrazioni ecc. togliete ste tasse dagli immobili, soprattutto quelli produttivi e pensate a risanare le aziende

  3. Il conto economico dell’esercizio 2012 (Sindaco Paroli) del Comune parlava di "proventi da tributi" per 94.295.720 euro. Adesso, alla stessa voce, aspettiamo il dato definitivo desumibile dal rendicono di gestione del 2013 (non ancora disponibile) che partiva da una previsione definitive di competenza per 167.643.573 euro. E poi aspettiamo, alla luce dei nuovi calcoli e ricalcoli, come cambierà il bilancio di previsione del 2014 dove si legge la cifra di 169.407.339 euro. Alla fine, ma solo alla fine vi diremo se è vero che, come recita l’articolo: "Del Bono diminuisce le tasse in città"…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome