Coppa Italia, l’An batte il Bogliasco e si prepara a sfidare la Pro Recco

0

La prima giornata della Final Four di Coppa Italia, non fa registrare sorprese: nella manifestazione ospitata alla piscina di Mompiano, i pronostici vengono rispettati e, se nella prima semifinale la Pro Recco supera il Posillipo 14 a 7, nella seconda sfida, l’An Brescia batte 13 a 3 la Rari Nantes Bogliasco. Dunque, domani, come avvenuto nel 2012 a Napoli, il secondo trofeo nazionale più importante se lo giocheranno la corazzata recchelina e il sette di Sandro Bovo.

L’An centra il primo obiettivo stagionale – ovvero, la finale di coppa – e va benissimo così, senz’altro, però, la prestazione contro il Bogliasco non è stata delle più brillanti. Presciutti e compagni partono piuttosto contratti, senza riuscire ad esprimere le proprie qualità nel gioco dinamico: il risultato del primo parziale (1 a 1), fotografa bene l’avvio sotto tono dei bresciani. Nel secondo tempo, qualcosa si sblocca ma, complessivamente, la formazione di Daniele Bettini, grazie alla grinta e alla generosità dei suoi giovani, rimane in partita (3 a 0, il punteggio parziale). Nella terza frazione, l’episodio che segna l’incontro: a 6’ e 11 secondi dalla fine, un fallo grave del bogliaschino Tommaso Vergano viene sanzionato come brutalità dall’arbitro Leonardo Ceccarelli, e, a quel punto, per l’An, la partita si fa in discesa. Infatti, con un rigore e 4 minuti di uomo in più a favore, i padroni di casa sfruttano al massimo la situazione portandosi sul più 7 (il periodo si chiude sul 9 a 2). Nell’ultimo quarto, i ragazzi di Bovo, rimanendo concentrati e imponendo un ritmo elevato, tengono a distanza la volenterosa compagine ligure, riuscendo ad andare a rete ancora 4 volte, a fronte di un solo gol subito. Come si diceva, bene così: pur non esprimendosi secondo il proprio potenziale, l’An conquista la finale di Coppa Italia – traguardo fortemente voluto -, e ora tutte le energie vanno puntate sul match di domani. Miglior realizzatore della serata, il capitano Christian Presciutti che, oltre ad aver segnato 4 reti, è stato anche il trascinatore dei suoi, suonando la carica nei momenti critici.

«Siamo partiti un po’ contratti – commenta il numero 12 del Brescia, Christian Napolitano -, e si è visto piuttosto chiaramente; in ogni caso, le nostre difficoltà sono state evidenziate anche dalle qualità del Bogliasco, formazione con tanti giovani di valore. Sulla distanza, però, ci siamo sbloccati, agevolati anche dai 4 minuti di superiorità. Adesso, voltiamo pagina in fretta e ci concentriamo sul Recco, la squadra da battere per eccellenza. Ci siamo allenati intensamente in queste settimane e vogliamo mettere a frutto tanto lavoro e sacrificio».             

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome