Non paga 240mila euro di Iva: la “crisi” assolve imprenditrice bresciana

0

Accusata di “evasione” dell’Iva, ma assolta perché impossibilitata a pagare. La protagonista di questa storia è un’imprenditrice bresciana di 47 anni, titolare di un’azienda edile con sede nel milanese. La donna è stata accusata di evasione dell’Iva per una cifra pari a 240mila euro, ma, grazie alla recente sentenza emessa dalla Corte di Cassazione secondo cui “la illiquidità incolpevole non può esser punita nel caso in cui un imprenditore non possa pagare l’Iva”, non è stato preso nessun provvedimento. L’imprenditrice ha infatti dimostrato di non essere riuscita a pagare l’imposta per cause che non dipendevano dalla sua gestione aziendale. Anzi, numerosi clienti dell’azienda erano falliti e dunque oltre 620mila euro non erano stati incassati. La sua quindi è risultata essere a tutti gli effetti una mancanza di liquidità del tutto incolpevole.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome