Strisce blu, niente multe a chi sfora orario: in disaccordo Loggia e Polizia

0

Le multe sulle strisce blu? Secondo una recente interpretazione del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti non hanno alcun fondamento giuridico quando all’automobilista viene contestata la sosta per un periodo più lungo rispetto a quello per il quale ha pagato il ticket al parcometro. In pratica l’amministrazione, la Polizia Locale e gli ausiliari del traffico non potrebbero dare la multa ma limitarsi a chiedere la differenza tra ciò è stato versato e ciò che è dovuto al momento di riprendere l’automobile in sosta. La notizia ha fatto discutere, e allo stesso tempo sta preoccupando non poco il Comune di Brescia e il Comando di Polizia Locale.

Il commento dell’assessore alla Mobilità Federico Manzoni è riportato stamane sulle colonne di Bresciaoggi: «Imporre di pagare solo l’integrazione è qualcosa che si presta ad abusi, è una delle tante aberrazioni del Codice della strada che spero venga riformato al più presto. Al Ministero sembrano fuori dal mondo, e ogni giorno assistiamo a uno stillicidio di pareri che non stanno in piedi. Approfondiremo e faremo le nostre valutazioni».

Sulla stessa lunghezza d’onda il comandante della Polizia locale Roberto Novelli, che prende tempo in attesa di capire quale sia la posizione ufficiale di Anci e di vedere come si comporteranno le altre città.

Della questione si discuterà oggi stesso in un tavolo tecnico convocato in tutta fretta dall’assessore. In ogni caso, in attesa delle decisioni della Loggia, meglio continuare a pagare il dovuto.
(a.c.)

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Il principio è giusto, ma le modalità non sono ancora chiare. per cui come al solito ci saranno i furbi e aumenteranno i ricorsi ai giudici di pace

  2. se si potesse pagare anche a distanza tutto sto bordello non ci sarebbe. ci sta che uno non stia all’interno dell’orario pagato per qualche imprevisto, ma nemmeno che se ne approfitti.

  3. La furbata è presto fatta:
    Si paga il minimo richiesto dal parcometro e poi si lascia la macchina tutto il tempo che si vuole.
    Se passa il vigile lascerà il bollettino con la differenza da pagare, se non passa nessuno invece si potrà parcheggiare per ore con pochi centesimi.
    Questo non vuole essere un incentivo a fare i furbi, ma far vedere quanto questa interpretazione del ministero è solo a discapito di chi è corretto e rispetta le regole.

  4. Dal punto di vista giuridico e del diritto, in difesa dei cittadini ,l’interpretazione del Ministero ci sembra giusta.Gli ausiliari del traffico,la polizia municipale possono sempre far pagare la differenza tra il pagato e l’effettivamente dovuto….In ogni caso interverrà qualche organo che darà ragione, come al solito, a chi approfitta della buona fede dei cittadini.

  5. La mia perplessità esula dall’argomento dell’articolo, e me ne scuso anticipatamente, ma mi chiedo a chi si riferisca Rob59 quando esprime le SUE opinioni al plurale, forse è un plurale maiestatis?

  6. @certo. Perché, visto che paghi già per la vettura, non risparmi e lasci l’auto a casa senza portare via i parcheggi a chi in centro vive da sempre?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome