Management Game: al Bonsignori di Remedello il successo provinciale

0

Sono gli studenti dell’ITIS Bonsignori di Remedello i vincitori della finale provinciale del “Management Game 2014”, promosso e organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Associazione Industriale Bresciana, guidato da Federico Ghidini.

La squadra prima classificatasi nel gioco di simulazione aziendale, giunto alla ventiduesima edizione, era formata da Giorgio Monteleone, Simone Nigro, Fabio Castellini e Wiam Nasr Allah, con tutor la docente Lucilla Belgiovine. I ragazzi di Remedello si sono aggiudicati il diritto a partecipare alla finale regionale.

Come in altre edizioni i concorrenti, attraverso uno specifico software, hanno dovuto simulare la gestione, la produzione e la vendita di telefoni cellulari su tre differenti mercati.

Al secondo posto si sono piazzati i ragazzi del IIS Cossali di Orzinuovi, categoria geometri, con un team composto da Gianmario Amico, Stefano Baresi, Emanuele Bregoli, Valery Piccirilli e Luca Corniani con tutor la docente Sabtina Ratti.

Terza posizione, infine, per l’istituto Itis Carlo Beretta di Gardone Valtrompia con la squadra formata da Carlo Poli, Manuel Galarini, Marco Temponi e Federico Fanizza con tutor il docente Luca Zavillon.

La finale provinciale del torneo, alla quale hanno preso parte gli studenti del quarto anno delle scuole superiori di Brescia e provincia, si è disputata martedì 25 marzo nelle aule della facoltà di Economia dell’Università Statale. I componenti delle tre squadre hanno ricevuto in premio nuovissimi un set di cassette amplificatrici per riprodurre la musica da cellulari e smart phone. Finale regionale a Milano il 5 aprile.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome