A Sarezzo arriva Stefano Benni

0

Il poeta e Mary è un atto unico comico-musicale dove due attori e due musicisti recitano, cantano, suonano, ballano in un ironico e scatenato scambio di ruoli e di invenzioni. E’ una riflessione sulla poesia e sul rapporto con la natura e le sue forze più armoniose e oscure, ed è anche una paradossale storia di amicizia, o di amore, di fantasmi e di animali parlanti. Il poeta Jack è un po’ trombone e presuntuoso, ha perso il suo talento e non riesce più a scrivere. Riceve la visita di una misteriosa creatura, una merla di nome Mary che canta, danza e inizia a provocarlo e prenderlo in giro. Forse è la voce della natura armoniosa, forse una dolce messaggera di morte. I due si beccano, litigano, discutono dell’arte, del destino e della crudeltà degli uomini verso gli animali, tutto al ritmo di musica, dalla lirica al rap, dal vaudeville al brano classico. Li accompagnano due musicisti, un merlo violista e un pettirosso tastierista, che commentano tutta la vicenda. Alla fine la merla decide di volare in cerca del’amore e lascia il poeta solo. Ma tornerà per convincerlo che amare, sognare e volare è bello, anche se rischioso. Il poeta metterà le ali anche lui, non si sa se verso la fine della vita o qualche misteriosa felicità. Il poeta è Stefano Benni, qui più che mai imprevedibile, che oltre a recitare si diverte a cantare e tener testa nelle danze alla scatenata merla. La merla è Brenda Lodigiani, conosciuta in televisione, ma alla sua prima importante esperienza teatrale, ballerina, cantante, ma stavolta anche attrice comica e seducente. Danilo Rossi, prima viola della Scala, è un merlo romagnolo e piacione che dedica serenate a Mary. Stefano Nanni, mago delle tastiere, diventa cornacchione e pettirosso, inventando canzoni ironiche e serissime digressioni musicali.

«Non è che la scrittura lo abbia deluso. "Resta la mia prima passione, ma è un atto solitario, mentre il teatro si può e si deve fare insieme ad altri. Più passa il tempo, più lo amo… Ogni anno metto in scena un reading, che quando non è improvvisato, è un difficile, serissimo atto teatrale. Ma stavolta non leggo. Recito canto e ballo con senile incoscienza". A 65 anni, sempre in forma, sempre timido, sempre parole intelligenti, lo scrittore tra i più amati e imprevedibili della nostra letteratura, dirige, interpreta e balla "Il poeta e Mary", un suo melologo, cioè un racconto per musica e parole sull’arte, il valore sociale dell’arte, sull’ambiente "e su tante altre cose – spiega – Perché è anche un discorso sulla passione. Di cui oggi si parla solo quando è deturpata dalla ferocia, dalla compravendita, dal gossip. Una passione immiserita alla mercè di puttanieri e criminologi. Per me invece la passione è soprattutto libertà, una pericolosa e meravigliosa libertà. Passione amorosa, passione della varietà del mondo e delle sue creature, passione delle idee e dell’arte in ogni forma"». Anna Bandettini – La Repubblica

Il poeta e Mary
di e con Stefano Benni
e con Brenda Lodigiani
musiche dal vivo di Danilo Rossi – viola e Stefano Nanni – tastiere
regia Stefano Benni
assistente alla regia Viviana Dominaci
scene Pietro Perotti
costumi Rossella Zanotti
direzione tecnica Fabio Vignaioli

Teatro San Faustino, via IV Novembre – Sarezzo
ore 21:00
Ingresso: 15,00 euro

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome