Elezioni Aci, la commissione elettorale esclude Bonomi e Scio dal voto

12

Bsnews.it l’aveva scritto lo scorso 26 febbraio. E, nonostante le rassicurazioni degli interessati arrivate poche ore dopo con un comunicato stampa, la commissione elettorale ha dato ragione a quanto evidenziato dal nostro quotidiano on line: Aldo Bonomi ed Enrico Scio non sono candidabili per le elezioni dei soci ordinari del consiglio direttivo dell’Aci di Brescia in quanto alla data del 13 gennaio non risultavano ancora aver rinnovato la tessera.

A stabilirlo è stata la commissione elettorale dell’ente di via Enzo Ferrari, come confermato dalla delibera del commissario Matteo Piantedosi pubblicata nella serata di giovedì sul sito www.brescia.aci.it. Al voto sono ammessi tutti e quattro i soci ordinari candidati della lista collegata ad Attilio Camozzi (Luigi Morandi, Bruno Ferrari e Federico Camadini). Mentre per la lista Bonomi – dopo l’esclusione dei due – rimangono in campo soltanto Roberto Onofri e Piergiorgio Vittorini. Con quattro posti da occupare per gli ordinari. Dunque, salvo ricorsi e tempestivi pronunciamenti in un senso, per la lista Camozzi la strada appare oggi nettamente più in discesa che per quella di Bonomi.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

12 Commenti

  1. e brava Bsnews, peccato che gli altri abbiano preferito tacere! complimenti a voi, invece, che avete avuto il coraggio di ragionare e parlare

  2. Quindi oltre all'ex presidente aib, già scartato perché non aveva i requisiti, ora altri 4 compreso lo speciale Belussi e lo speciale Tenchini (poche firme a sostegno ho letto sul sito aci), lo stesso Bonomi e Scio sono esclusi?………… ……. Sarebbe onorevole, saggio e di grande spessore ritirarsi ora soprattutto perché ormai la presidenza é sfumata e stando allo stato attuale potrebbero al massimo ottenere una minoranza nel consiglio…. Avrà sicuramente la sua rivincita Bonomi qualora vincesse il ricorso presso il consiglio di stato per buona pace con se stesso e del suo buon nome, sempre che arrivi un esito positivo…… Proseguire sulla strada dei ricorsi e far sprofondare l'ente in nuovi commissariamenti oggi sarebbero irresponsabile nei confronti dell'ente e tutto ciò che rappresenta.

  3. Ho letto delle cose su un quotidiano locale che mi fanno ridere….. Sembra davvero che non si siano ancora accorti della notizia…

  4. Ma chi sono questi che vogliono solo comandare e non sono capaci di farsi una tessere di iscrizione?Per fortuna sono fuor,i così potrà ripartire con maggior serenità tutto il circo millemiglia e tornare al successo di un paio di anni fa .Bene Piantedosi!

  5. Si ripresentano i fantasmi di un nuovo commissariamento,qui vedremo se veramente chi è stato escluso ama Brescia.Fare ricorso adesso sarebbe devastante per Brescia e per la mille miglia.chi sarà la persona che si prenderà la responsabilità di ridare l’ente in gestione ai romani????forse proprio chi fino ad oggi li ha accusati.nei prossimi giorni vedremo chi ama e chi fa credere di amare!

  6. "A seguito della notizia diffusa nella tarda mattinata di oggi che mette in dubbio la mia candidabilità e quella di Enrico Scio alle elezioni del Consiglio Direttivo di AC Brescia, mi sento in dovere di precisare che prima di comporre la lista definitiva dei Candidati ho personalmente, col sostegno dei miei più stretti collaboratori, provveduto ad ogni verifica indispensabile affinché qualsiasi spiacevole insinuazione in tal senso non potesse avere anche il minimo fondamento."
    Questo é quanto aveva dichiarato Bonomi, in un comunicato stampa commentando le voci sulla sua incandidabilità.
    Al la faccia, viene da dire!
    E adesso come la mette Bonomi? Cambia i suoi stretti collaboratori? Cambia se stesso? Cambia tutti?
    Forse meglio un dignitoso silenzio. E basta ricorsi, per la Mille Miglia e per Brescia.

  7. Si può almeno dire che Aldo Bonomi, tra Vicepresidenze di Confindustria, AIB, Banca Credito Lombardo Veneto, titolarità di eccellenti imprese di famiglia, non disdegnava anche la Presidenza dell’ACI a completamento di un profilo personale assai prestigioso ? Si può dire che però non sempre tutte le ciambelle riescono con il buco ?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome