Edilizia sanitaria, Belotti e Bertuzzi (Idv): “La Regione chiarisca al più presto”

0

“Le recenti notizie diffuse dalla stampa circa un vero e proprio ‘modello’ che i vertici di Infrastrutture Lombarde avrebbe esteso anche per opere nella provincia di Brescia ci preoccupa e impone un chiarimento definitivo e immediato da parte dei vertici politici di Regione Lombardia”.

Ad affermarlo i referenti provinciali dell’Italia dei Valori di Brescia, Claudio Belotti e Massimo Bertuzzi che hanno aggiunto: – “il sospetto di assegnazioni pilotate di consulenze e assistenze legali stragiudiziali e tecnico-amministrative per i lavori di ampliamento dei presidi ospedalieri di Manerbio e Gavardo, finiti nel mirino dei magistrati, rischia di rappresentare solo la punta dell’iceberg. Fermo restando il ruolo della magistratura, che accerterà l’eventuale presenza di reati, crediamo che ora la Regione debba accelerare l’inchiesta interna e chiarire al più presto l’operato dei vertici di Infrastrutture Lombarde. La società partecipata ha sempre svolto un ruolo strategico primario, non solo sulle opere legate a Expo, e per questo chiediamo chiarimenti alla Regione che non può non assumersi le proprie evidenti responsabilità politiche”.

Sulla vicenda interviene anche il Segretario Regionale IDV Lombardia, Carmelo Tindiglia, che ha dichiarato: – “con il passare del tempo aumenta a macchia d’olio il numero di opere su cui i manager di Infrastrutture Lombarde pare abbiano commesso gravi abusi. A Brescia, tra l’altro, sotto osservazione anche le opere di regimentazione e messa in sicurezza del lago d’Idro. Ancora una volta siamo di fronte a consulenze, più o meno discutibili, affidate dalla Regione a professionisti di vari settori, che mettono nuovamente in discussione un sistema operativo che, nella migliore delle ipotesi, evidenziano quantomeno un deficit di trasparenza. Mi auguro – ha concluso Carmelo Tindiglia – che anche su questa prerogativa della politica si apra presto un percorso di revisione di regole e criteri di assegnazione degli incarichi attraverso un confronto tra tutte le forze politiche ”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ci sono commissari, subcommissari ma non c’è più nememno niente da commissariare. Praticamente i due rappresentano se stessi. Da forza politica a insussistenza politica. E le colpe sono tutte del Presidente Onorario che per una lenticchiata di voti di clientela dissolsse un patrimonio di voti di opinione.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome