Caso Tanghetti, concluso il processo alla santona di Prevalle

0

La sentenza di ieri (venerdì 28) ha posto fine alla vicenda processuale di Tersilla Tanghetti, la santona di Prevalle, accusata insieme ad altre quindici persone del reato di riduzione in schiavitù all’interno di una presunta setta. L’ultima accusa rimasta in piedi contro la 57enne lumezzanese, ovvero associazione a delinquere, è stata archiviata dal punto di vista giuridico dal giudice Vittorio Masia che ha emesso una sentenza di non luogo a procedere per avvenuta prescrizione.

Già a luglio 2013 il giudice aveva dichiarato il non luogo a procedere per avvenuta prescrizione per quanto riguarda i reati di maltrattamento e sequestro di persona. A dicembre invece la Cassazione aveva respinto il ricorso della Procura contro la sentenza del gup Francesco Nappo che aveva dichiarato il non luogo a procedere per i reati di riduzione e mantenimento in schiavitù. Con ieri dunque, si è giunti all’epilogo della vicenda Tanghetti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Santone miracolose, madonne che appaiono dappertutto anche contemporaneamente, chi vede roteare il sole, polvere di stelle che cade durante i rosari e altre medievali superstizioni. Ma quando la ragione illuminerà i ciechi creduloni ?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome