Brescia vince con Imola e sogna i playoff

0

Importante vittoria per la Leonessa, che sul parquet del San Filippo vince per 83-45 contro l’ultima della classe Imola e può continuare a sognare una piazza nei prossimi playoff, data la contemporanea sconfitta di Veroli a Jesi. Un match mai in discussione (eccezion fatta per il primo quarto), nel quale si sono messi in evidenza Tamar Slay con 16 punti e 7 assist, J.R. Giddens con 15 punti e 7 rimbalzi, Franko Bushati con 12 punti e Jack Maspero con 11 punti. Adesso una settimana di intenso lavoro per preparare l’importante derby in trasferta a Verona.

Parte bene Imola che grazie a Maccaferri e Poletti si porta subito avanti sul 5-9 dopo quattro minuti di gioco. Brescia con Giddens e Rinaldi riacciuffa il match sul 11-11 ma Imola non si scompone e continua a trovare canestro senza troppi problemi. Con due triple in rapida successione (una di Fultz e una di Giddens), Brescia trova il vantaggio sul 19-17, che sarà anche il punteggio di gara dopo 10 minuti di gioco. Al rientro in campo Imola grazie a un mini parziale di 4-0 trova il vantaggio (19-21): Brescia risponde con un parziale di 11-2, propiziato dai canestri di Di Bella, Bushati e Slay. L’Aget si sblocca grazie a un canestro di Mancin ma nell’azione dopo arriva una palla recuperata di Giddens che si invola a canestro e si esibisce in una schiacciata alla Karl Malone: altri due punti di J.R (inframezzati da 4 di fila di Poletti) e il secondo quarto si chiude sul punteggio di 36-29.

Al rientro in campo la Leonessa prova a scappare con Slay e Rinaldi ma Imola con Poletti e Maccaferri rimane attaccata con le unghie al match. Brescia alza il ritmo sia in attacco che in difesa e i frutti si vedono subito: parziale di 13-2 grazie ai 4 di Giddens, alla schiacciata a due  mani in campo aperto di Federico Loschi, alla tripla di Fultz e ai due a testa di Slay e Rinaldi. Imola fatica a rispondere alle offensive bresciane e dopo altri due a testa per Fultz e Slay si chiude il terzo quarto sul 38-59. Brescia non segna nei primi 3 minuti di gioco dell’ultimo quarto e a spezzare il digiuno di canestri ci pensa Jack Maspero, che da oltre l’arco punisce i romagnoli: il ragazzo scuola Cantù sfrutta tutti i tiri a disposizione e in men che non si dica mette a referto 9 punti che lo portano a quota 11 nel match. Brescia continua a macinare gioco e in men che non si dica i ragazzi di coach Martelossi volano a +38: finisce 83-45 per la Leonessa, che grazie a questi punti può continuare a sperare la conquista di un posto ai prossimi playoff.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome