Il Teatro Grande cessa la collaborazione con il Maestro Umberto Fanni

0

Si chiude con la Stagione 2014 la felice collaborazione con il Maestro Umberto Fanni, direttore artistico della Stagione d’Opera del , incarico che lo ha legato alla città di Brescia dal 2006.

Il Maestro Umberto Fanni è stato infatti nominato Direttore Artistico della Royal Opera House di Muscat (capitale dell’Oman). Dal prossimo mese di settembre ricoprirà il prestigioso incarico in quello che è considerato il teatro più importante del Medio Oriente.

La Fondazione del Teatro Grande si congratula con il Maestro Fanni e lo ringrazia per l’impegno di questi anni che lo ha portato a rappresentare Brescia anche nell’ambito del Circuito Lirico Lombardo. Fondamentale il suo ruolo per l’ideazione di progetti importanti tra cui la MozartFest e la Festa dell’Opera.

L’augurio comune è che, pur nella diversità dei contesti, possano nascere proficue collaborazioni e sinergie internazionali per il Teatro Grande e per la città di Brescia.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Come Lippi in Cina, Capello in Russia e Zaccheroni in Giappone ? Essendo Fanni transitato nientemeno che nei teatri di Trieste, all’Arena di Verona ed a Cagliari, la Royal Opera House di Muscat nell’Oman sarà anche prestigiosa, però…

  2. grandi complimenti al Maestro Fanni! meritato riconoscimento internazionale. L’invito è a non curarsi dei commenti sciocchi e invidiosi. Spiace solo di perderla in città: con Angelini e l’arrivo di Di Corato a Brescia Musei avreste davvero portato Brescia in primo piano.

  3. Angelini, Di Corato e Fanni sarebbero sinonimi di una Brescia portata in primo piano dal punto di vista culturale e musicale ? Eccelsa visione: aggiungiamoci anche la Castelletti, così restiamo tranquillamente…a pianterreno.

  4. Ci sono cose ovvie, che non si possono scrivere. Ma certi treni passano una sola volta e quello degli sceicchi d’Oriente ha i vagoni carichi di dollari. Chissà, dopo l’"Italiana in Algeri" di Rossini, la lieta circostanza potrebbe ispirare magari il sempre attivo Montalbetti a musicare "L’italiano in Muscat"…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome