Pcb, il divieto della Loggia arriva fino al campo sportivo del Villaggio Sereno

0

Più passa il tempo e più aumentano le aree verdi dove il Comune di Brescia è costretto ad imporre restrizioni di fruizione per colpa dei terreni inquinati da pcb, diossine e mercurio, tutti inquinanti provocati dagli sversamenti della Caffaro.

Oggi il divieto tocca anche al campo in sintetico tra il e Fornaci, lo stesso che qualche anno fa è stato trasformato da terra a sintetico e dove i ragazzini hanno disputato tante partite di calcio, ignari di dove stavano poggiando i tacchetti.

Fino ad un mese fa nessuno immaginava che anche quel campo, a quella distanza dalla fabbrica che ha inquinato l’ovest cittadino, fosse intrisa di pcb, diossine e mercurio. A scoprirlo è stata l’Asl durante alcuni carotamenti che hanno dato risultati tutt’altro che confortanti.

Sul campo, che per ora non è stato ancora contrassegnato da appositi cartelli di divieto, si dovranno seguire le stesse regole delle altre “zone gialle” vale a dire il divieto di entrare in contatto con la terra inquinata, anche se dal 31 luglio 2013, secondo una nuova ordinanza di Del Bono, è possibile calpestare e giocare sul manto erboso.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome