Sede Enel Breno: Caparini (Ln): tagliano i posti di lavoro e ci lasciano i tralicci

0

"L’ennesima proposta di di accorpare la sede di Breno a Brescia lascerebbe in Valle solo 30 dipendenti per soddisfare le esigenze di oltre 110 mila utenze, per mantenere 3000 km di linee media e bassa tensione e più di 1100 cabine di trasformazione". A dichiararlo è il deputato della Lega Nord Davide Caparini, che ricorda come "in questi anni siamo sempre riusciti a bloccare questi tentativi di chiusura. Ora i nuovi vertici nominati da Renzi presentano un piano che è una vera mannaia sulle speranze di sviluppo della Valle".

Il 4 settembre è in programma, in IV Commissione attività produttive di Regione Lombardia e su richiesta della Lega Nord, l’audizione dei responsabili di Enel Breno e relative parti sociali della Valle Camonica. Intanto l’onorevole bresciano ha depositato un’interrogazione a risposta scritta al Ministro dello sviluppo economico, l’"unico che può intervenire per evitare questo scempio". "Il sistema elettrico camuno – ricorda Caparini – è fondamentale per l’assetto energetico del Paese e necessita quindi della presenza continua e costante di personale qualificato".

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome