Tunisino ucciso dal connazionale a coltellate: dietro la morte un giro di droga

0

La scena è stata simile a quelle che si vedevano nei film western, con la differenza che l’arma utilizzata per uccidere il rivale non è una pistola ma un coltello lama 20 centimetri. I due tunisini, probabilmente per regolare debiti legati allo spaccio di droga, si sono dati appuntamento nella notte tra lunedì e martedì in piazza a Chiari, e lì il primo a colpire ha anche ucciso.

Jamal Ati, tunisino di 37 anni, ha sferrato il colpo mortale con un coltello da cucina e l’intenzione di uccidere, Mohammed Hameni, tunisino anche lui ma di 10 anni più giovane.

La scena è stata vista da diversi testimoni, grazie ai quali l’assasino è stato individuato e fermato dai carabinieri nell’arco di 20 minuti dall’assassinio. Jamal ha provato durante la fuga a chiedere ospitalità a due connazionali che però glela hanno negata. A quel punto si è trovato spalle al muro e ancora sporco di sangue davanti ai carabinieri.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome