Depressa, tenta di gettarsi dal cavalcavia Kennedy: salvata dalla polizia

8

L’hanno avvistata durante un normale controllo di via Sostegno intorno alle 16 del 13 agosto: le sue intenzioni sono state immediatamente chiare agli agenti che sono così intervenuti per salvarla da un gesto estremo. La donna, con intenti suicidi, si trovava a cavalcioni sul parapetto del cavalcavia “Kennedy”. Intuendo ciò che stava per fare, gli operatori si sono fermati e hanno iniziato a parlare con la donna. Il capo equipaggio, salendo velocemente le scale del cavalcavia, l’ha raggiunta e dopo pochi minuti è riuscito a convincerla a desistere dall’insano gesto. La donna, classe 1977, originaria della Guinea ma regolare sul territorio nazionale e residente a Brescia, ha raccontato agli agenti di soffrire di depressione ma di non essersi mai rivolta a strutture specializzate. Accompagnata da un’ambulanza al Pronto soccorso degli Ospedali Civili, dopo una visita psichiatrica è stata portata all’ospedale di Montichiari. E’ stata inoltrata segnalazione ai Servizi sociali del comune di Brescia della situazione di disagio psichico della donna.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

8 Commenti

  1. BASTA NON NE POSSO PIU’ DI QUESTI EXTRACOMUNITARI. OGNI GIORNO I MEDIA PARLANO DI FATTI DI CRONACA CHE VEDONO PROTAGONISTI NEL MALE DEGLI STRANIERI E SOPRATTUTTO NEL NORD ITALIA. E QUALCUNO LI HA PERSINO VOLUTI DEFINIRE "Linfa vitale per l’Italia".

  2. Quelli che vogliono fare i buonisti… Se li prendessero a casa loro… Vorrei proprio vedere come sarebbero ancora buoni!!!!! BASTA!!!!

  3. Quanta cattiveria…una persona soffre e non trova altra soluzione che farla finita e voi gente per bene pensate solo alla sua etnia… Siete patetici,cattivi,inu tili. Si potrebbe essere tutti sereni e convivere,ma sono le persone come voi che generano odio e mancata integrazione. Avete mai provato a vederla con gli occhi di un immigrato? Gli italiani sono emigrati da sempre e sempre hanno sofferto. Possibile che non si impari dal passato?vi auguro di poter un giorno aprire gli occhi…

  4. Questa è la replica ad un pensiero positivo legittimo e ben argomentato , condivisibile o meno a seconda della mentalità e sensibilità di chi lo contesta, ( per quanto mi riguarda condivido in toto il pensiero) .Che dire! Complimenti si commenta da sola!

  5. Purtroppo certe risposte provengono da un'anima piena di rabbia e rancore. Spero che tu possa presto ritrovare un po' di serenità.

  6. Complimenti ai poliziotti e auguri alla povera donna, che trovi la sua serenità dopo una buona cura. Quanta tristezza nel leggere i commenti dei razzisti: siete peggio delle bestie.

  7. Gentilissimo"assurdo " senza rendersene conte Lei contribuisce alla non integrazione,e all’odio Razziale, e prima di etichettare,inutili e patetiche e cattive,le persone con pensieri diversi dai Suoi si chieda: come è arrivata,in Italia questa Donna, con chi vive,se ha dei figli,la depressione è una malattia sempre scaturita da un stato d’animo, e forse innescata da falsi buonisti che ingannano il prossimo, spero che Lei non sia di questa categoria…..e non dico altro x il rispetto nei confronti di questa DONNA. Distinti

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome