Rubava carte d’identità alle pazienti degli ospedali e prelevava dai loro conti

0

Aveva scelto un luogo davvero poco appropriato per mettere assegno i suoi colpi: l’ospedale. Era lì che si impossessava di borse e portafogli alle pazienti per poi usare i loro dati per accedere ai loro conti correnti. La donna, fermata dai carabinieri di Vimercate è una pregiudicata di 34 anni residente in Veneto, è accusata di ricettazione e sostituzione di persona. Come scrive il Giornale di Brescia, la donna è stata controllata mentre si trovava a bordo di un’auto intestata ad una società di noleggio e affittata a nome di un’altra persona, insieme ad un ventenne residente nella Provincia di Monza (denunciato a piede libero in concorso). Sull’auto i carabinieri hanno trovato sei documenti di identità, una carta di credito e un assegno, rubati in ospedali di Milano, Magenta, Bergamo e Brescia. Il modus operandi della donna era ben organizzato: affittava auto, apriva conti correnti a nome delle vittime o si recava direttamente nelle filiali di banca per prelevare denaro dai loro conti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome