La protesta dei migranti in attesa di permesso: “Pronti ad un’altra gru”

12

Il rischio che il malcontento di centinaia di lavoratori immigrati che hanno lavorato pagato tasse e contributi a Brescia senza ottenere la regolazizzazione si trasformi in un’altra protesta in stile gru non è poi così lontano. Almeno stando alla riunione che si è svolta domenica nella sede del Cross Point. Secondo i suoi attivisti infatti la situazion bresciana rappresenterebbe un’anomalia rispetto a quella nazionale, vale a dire il 70 per cento delle richiester respinte a fronte del 20 per cento nazionale. Per ora gli attivisti fanno sapere che si uniranno in piccole proteste e seguiranno richieste di accellerazione delle pratiche a prefettura e Questura, ma l’ombra della grande protesta sulla Gru appare tutt’altro che lontana.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

12 Commenti

  1. fanno bene a lamentarsi, al loro paese sono abituati bene, sono campioni di efficienza e di democrazia! se gli va bene quando protestano li disperdono a randellate, se va bene…

  2. Ma certo, solo loro hanno lavorato e pagato le tasse, solo loro…! Ma ascoltate, cari immiGRATIS, qui nn vi trovate più bene, la burocrazia è lenta, i vostri diritti calpestati e voi siete degli incompresi da parte di larga parte della popolazione, inoltre nn vi accontentano SUBITO…tornate nei vostri Paesi e nn rimanete più qui a farvi trattare così male. Ascoltate il mio consiglio e portate in salvo i vostri figli che vi accuseranno di averli fatti crescere in un Paese così poco civilizzato !!! Andate Andate, nn perdete altro tempo ad aspettare. Il mio è un consiglio disinteressato, ovviamente.

  3. MA perché invece non protesti anche tu? Una delle cose più importanti della vita civile é la libertà di pensiero ed il diritto a manifestare. Oppure tu preferiresti vivere in un paese senza libertà?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome