Consumi, i prezzi di abbigliamento e cibo tornano a salire

0

Forte calo congiunturale per il mese di settembre a Brescia (-0,7%) e tasso tendenziale che scende al +0,1%, attestandosi ai livelli minimi dell’autunno 2009. Il tasso congiunturale registra la variazione negativa maggiore dal 1999 ad oggi, da quando è iniziato il calcolo dell’inflazione a livello locale. A determinare questo andamento sono sicuramente effetti tipicamente stagionali che riguardano soprattutto le divisioni Trasporti (in calo le tariffe di tutti i tipi di trasporto), Ricreazione Spettacolo e Cultura (diminuiscono i prezzi per pacchetti vacanza ed ingresso a centri sportivi estivi), Servizi Ricettivi e di Ristorazione (diminuzione delle tariffe di alloggio). Sono in calo anche le divisioni Comunicazioni e Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche (-0,6%). Per quest’ultima divisione si evidenziano cali di prezzo consistenti in particolare per frutta (-7,2%), latticini (-0,5%), carni (-0,5%), acque e bevande analcoliche (-0,3%) e caffè, tè e cacao (-0,2%). Aumentano, al contrario, i prezzi dei vegetali (+2,1%), oli e grassi (+0,8%), pesci e prodotti ittici (+0,6%) e surgelati. Si segnalano in aumento anche le divisioni Abbigliamento e Calzature (+0,8%) con i nuovi arrivi della stagione autunnale e Istruzione (corsi di formazione e scuole elementari private in aumento). Invariate tutte le altre divisioni. Il Trend è sempre più deflativo e sono ulteriormente in calo le vendite al dettaglio a livello nazionale.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome