MetroZ , il cortometraggio di due bresciani dedicato alla metro cittadina conquista Milano e la Francia

0

Si è da poco concluso l’8° Circuito Nazionale Audiovisivi Fotografici 2014 – 2° Coppa Diaf”, circuito di concorsi che ha visto Lucio Zogno (fotografo, appartenente al Gruppo Iseo Immagine Bfi) e Mirko Ferremi (Compositore) ottenere ottimi piazzamenti in numerose tappe della manifestazione. Il duo tutto bresciano ha partecipato con un cortometraggio dal titolo MetroZ il cui soggetto è la nuova metropolitana di Brescia. Una riflessione sui "nonluoghi", una ricerca fotografica attenta ed una tecnica cinematografica accattivante, quella del TIMELAPSE, si sposano con una colonna sonora originale, dal timbro contemporaneo, intimamente fusa con le immagini a creare una sinergia estremamente coinvolgente. MetroZ è il filmato che più ha vinto all’interno del circuito (chiudendo al quarto posto assoluto) conquistando ottimi piazzamenti e ben tre primi posti nell’area milanese, da sempre attenta alle avanguardie artistiche e sicuramente la più sensibile al tema trattato. Ma i due artisti portano alto l’orgoglio bresciano, e nazionale, anche oltr’alpe. Dalla Francia arriva infatti la notizia di un Premio per la miglior colonna sonora e una Menzione della Giuria Giovani al "Festival International de l’Image à Epinal", unici italiani nel Palmares di questa importante manifestazione.Gli artisti saranno presenti con la proiezione del loro MetroZ, il prossimo 11 ottobre, a “Dia sotto le stelle” manifestazione fotografica a carattere nazionale arrivata ormai alla sua 24ma edizione, a Malpensa Fiere, e sabato 15 novembre al Museo della Fotografia di Brescia per il ciclo di appuntamenti "Pomeriggio con l’autore".

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome