Strage di Urago Mella, ergastolo annullato per i cugini Marino

0

E’ stata annullata, con rinvio ad altra sezione della Corte d’assise d’appello di Milano, dalla Corte di Cassazione (Quinta sezione penale) la condanna all’ergastolo del giugno scorso a carico di Vito e Salvatore Marino. A otto anni dalla strage scoperta nella villetta di via Zuaboni ad Urago Mella dove morirono Angelo Cottarelli, la compagna Marzenna Topor e il figlio 17enne Luca, non c’è ancora un colpevole. Vito e Salvatore Marino, i due cugini di Trapani, arrestati il 15 settembre del 2006 dalla Squadra Mobile di Brescia, dopo le rivelazioni dell’architetto triestino Dino Grusovin, saranno giudicati di nuovo. Secondo l’accusa i due erano arrivati ad Urago Mella, armati di pistola, alla ricerca di denaro. Poi la situazione era precipitata, era partito un colpo, e i due hanno deciso di mettere a tacere i testimoni. L’accusa, oltre alla testimonianza  di Grusovin ha portato in aula diversi elementi di prova: le testimonianze dei vicini e le tracce di polvere da sparo sulle auto dei due e sul luogo del delitto. 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome