Legambiente scrive ai Sindaci: “Serve studio per rivedere il progetto”

0

“Rivedere l’opera e il tracciato della Tav Brescia-Verona perché si tratta di un vecchio progetto ormai inattuale che presenta più problemi di impatto ambientale e finanziario di quanti siano i vantaggi per il trasporto ferroviario”. Sono queste le parole contenute nella lettera che Legambiente ha inviato oggi ai sindaci e alle associazioni di categoria interessati dal progetto di Alta Velocità. Nello specifico il presidente di Legambiente della Lombardia, Damiano di Simine, e Dario Balotta, responsabile dei trasporti, del cigno verde invitano gli amministratori locali ad aderire alla proposta del Cigno verde di analizzare i limiti e l’inattualità  del vecchio progetto e del tracciato dell’opera ferroviaria, approvato dal Cipe nel 2003. Al momento hanno già aderito all’iniziativa la Provincia di Mantova, il Comune di Lonato, di Castiglione delle Stiviere e le associazioni di categoria: la Coldiretti Brescia, il Consorzio Tutela Vini Lugana e la Confagricoltura Brescia.  “Legambiente ha incaricato un esperto del settore di valutare le numerose criticità sulla sostenibilità economica, finanziaria e ambientale del progetto – dichiarano i dirigenti ambientalisti – Grazie a questo studio chiederemo,  al Governo, alle Commissioni competenti e al Parlamento, di rivedere il progetto nel suo complesso, adottando un’alternativa più funzionale di potenziamento della linea esistente, sotto il profilo trasportistico più complementare al trasporto pendolari, meno impattante sul piano ambientale e finanziariamente meno costosa”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome