Come risparmiare con il porta a porta, il M5S organizza un incontro per discuterne

0

Il Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Brescia propone una serata informativa e propositiva sulla gestione dei rifiuti a Brescia dal titolo "Come risparmiare con il porta a porta. Aspetti economici, strumenti e obiettivi del sistema di raccolta dei rifiuti a Brescia". L’appuntamento è per venerdi 31 ottobre alle  ore 20.30, presso il Salone Argentina in via Repubblica Argentina n. 120.

Interverranno  Massimo Cerani esperto di gestione dei rifiuti (Dalla Raccolta differenziata al riciclo: strumenti e obbiettivi), Carmine Trecroci presidente di Legambiente (Il sistema dei rifiuti a Brescia, aspetti Economici), Laura Gamba Consigliere comunale Movimento 5 Stelle a Brescia.

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE

A breve il Comune di Brescia sarà chiamato a definire un nuovo piano per la raccolta rifiuti urbani e, a tal proposito, si è sviluppato un acceso dibattito nell’opinione pubblica. Ad oggi la raccolta dei rifiuti si basa su di un sistema obsoleto e inadeguato, con la raccolta differenziata ferma da decenni al 40%. Una percentuale tra le più basse trai capoluoghi di provincia italiani, quando, invece, nella maggior parte dei comuni lombardi si differenzia il 70-80% dei rifiuti.

Tali risultati di eccellenza vengono raggiunti dove il sistema tradizionale di raccolta tramite cassonetto è stato sostituito con un sistema porta a porta, persino in città come Milano e Bergamo: il numero di abitanti e l’estensione territoriale, pertanto, non rappresentano un limite all’utilizzo del porta a porta.

Il MoVimento 5 stelle di Brescia, che studia da molti anni il tema,  ritiene necessario fornire alla cittadinanza una corretta informazione riguardo ai vantaggi del sistema porta a porta, quali salvaguardia dell’ambiente e della salute pubblica e risparmio concreto per i cittadini.

Il porta a porta è stato adottato da oltre il 90% dei comuni della Regione Lombardia,  con ripercussioni positive sulla quantità e sulla qualità dei rifiuti prodotti, ma anche sui costi di gestione dello smaltimento, che risultano addirittura inferiori ad altri sistemi nei comuni dove la raccolta differenziata supera il 60%.

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

1 COMMENT

  1. tutte storie!
    è inutile continuare a teorizzare e vendere fumo.
    se si va sul quaderno provinciale dei rifiuti, si vede esattamente come stanno i costi, il porta a porta costa normalmente il doppio del cassonetto.
    d’altro nde il doppio di camion e di operai che operano sul territorio sono il vero costo, sborsato dai cittadini con le proprie tasse.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome