Incisioni rupestri, sfregiata roccia millenaria nel sito Unesco

1
Pitoti Camuni
Pitoti Camuni

Una nuova incisione che però non si sposa affatto bene con quelle rupestri che segnano migliaia di anni di storia. Un vergognoso gesto a Capo di Ponte, nel Parco di Naquane: la roccia numero due del sito archeologico dichiarato nel 1997 Patrimonio dell’umanità dall’Unesco  è stata vandalizzata, probabilmente da uno studente in gita con la classe. «Stiamo studiando un sistema che fotografi questi atti – spiega Filippo Maria Gambari al Giornale di Brescia – e poi vorremmo rendere pubbliche le immagini, in modo che sia un deterrente e responsabilizzi i visitatori». La Soprintendenza lavorerà per mascherare gli sfregi, mentre trovare i vandali risulterà davvero impossibile.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome