Volley, Tempini torna a vincere in casa battendo nella sfida salvezza Offanengo

0
Pallavolo
Pallavolo

La Tempini Azzano Brescia torna a vincere tra le mura amiche dopo ben sei sconfitte consecutive (l’ultima vittoria casalinga risale al 6 dicembre contro Busseto per 3-1)  e lo fa in una sfida importantissima: uno scontro salvezza contro l’Imecon Offanengo Cremona. Une 3-1 al cardiopalmo che ha visto la formazione bresciana perdere al photofinish il primo parziale e vincere gli altri tre sfruttando una reazione d’orgoglio che mancava da troppo tempo in campo azzanese.  Sono tre punti fondamentali, quindi, quelli ottenuti da Rachtian e compagni che gli permettono di portarsi in settima posizione in classifica a quota 34 punti (superando l’Akomag Busseto) , a più otto dalla zona rossa e al contempo a meno quattro dal raggiungimento della salvezza matematica.

I bresciani scendono in campo con Rachtian al palleggio, Indiani e Gorlani al centro, Fava e Crotti ad occupare la diagonale di posto quattro, Rinaldi opposto e Zoadelli libero ma è Offanengo a partire bene e in brevissimo tempo si porta in vantaggio per 3-0. Il punto di Rinaldi e i due errori avversari ristabiliscono la parità che prosegue fino al 5-5. È la Tempini a raggiungere per prima il primo time-out tecnico sull’8-6. Il break di vantaggio viene mantenuto e poi incrementato fino al 15-11; dopodiché dormita della squadra bresciana che si fa recuperare e sorpassare. Dopo un’azione infinita caratterizzata da ottimi salvataggi  da parte di entrambe le compagini, sono sempre i comaschi a guidare il parziale seppur per un solo punto. La sfida si infuoca ed è lotta punto su punto:  sia Azzano che Offanengo non risparmiano colpi. È però l’Imecon a guadagnarsi per primo il set-ball e a portarsi a casa il set 25-22.

Nel secondo è invece la formazione ospite a passare 8-6 e sembra gestire meglio il gioco. Azzano da segni d’orgoglio ed ecco che recupera e supera sull’11-10. Capitan Rachtian incrementa il vantaggio grazie al suo ace. Vantaggio che viene però subito annullato ed è nuovamente vantaggio per Offanengo (16-15).  Nuovo stacco azzanese: sono cinque ora le lunghezze che separano i padroni di casa dagli avversari. Cinque punti nuovamente rimarginati a causa di errori banali. Offanengo non sfrutta il set-ball,  Sabaragamu segna a muro il 24-24 e Fava pensa a chiudere il set 26-24.

Il primo time-out è destinato a chiudersi ancora una volta a favore di Offanengo con il medesimo punteggio dei precedenti. Ancora troppi gli errori in ricezione, ma in compenso, migliora il fondamentale a muro grazie ad un buon turno di Sabaragamu. È Azzano, ora, a dettare il ritmo e spinto dall’entusiasmo e dal tifo dei propri tifosi non fa che segnare punti su punti. Il tabellone, sul finale, recita 24-17: chiude Indiani 25-18.

Partenza sprint per i ragazzi del presidente Gogna, che nel quarto e decisivo set conducono 10-5. Qualche decisione arbitrale discutibile permette all’Imecon di riavvicinarsi. Il tabellone segna 13-10 e 16-10 grazie all’ace di Fava. Rinaldi è inarrestabile, così come “Saba” lo è a muro. Offanengo sembra non averne più ed inizia a commettere banali errori che permettono alla Tempini di proseguire nel migliore dei modi fino al 21-21. È Azzano ad avere tra le mani la palla del match-ball: la prima viene bruciata dal servizio errato di Rachtian la seconda da Fava. Chiude con un muro, quello che è stato il migliore in questo fondamentale: Sabaragamu.

“Il problema della mia squadra rimane sempre il carattere . Tecnicamente possiamo giocare con chiunque però se escono le incertezze e non siamo capaci di reagire rischiamo il recupero e la sconfitta”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome