Chiusura uffici postali periferici: torna la speranza per salvarne quattro in provincia

0

61 uffici soppressi e 121 con orario ridotto ed apertura a giorni alterni. Il prezzo che deve pagare la nostra regione, e anche la nostra provincia (sono 16 gli uffici a rischio) in merito al piano di riorganizzazione di Poste Italiane è molto salato, ma negli ultimi giorni sembra che la trattativa tra Pirellone e vertici aziendali possa avere smosso un po’ le acque.

Stando a quanto riportato sulle colonne del quotidiano Bresciaoggi infatti dei 16 uffici da tagliare potrebbero esserse salvati almeno quattro, quelli di Magno a Gardone Valtrompia, di Provezze a Provaglio, di Cogno a Piancogno e di Castelletto a Leno. 

Gli uffici per i quali sembra ormai prossima la chiusura sono invece quelli di Botticino Mattina, Mazzano, Brozzo di Marcheno e Cogozzo di Villa Carcina. Quelli che subiranno un taglio negli orari di apertura invece sono quelli di San Martino della Battaglia a Desenzano, San Pancrazio di Palazzolo, Ponte Caffaro, Incudine, Ono San Pietro, Maderno, Prestine e Valvestino.

Originariamente la riorganizzazione sarebbe dovuta essere effettiva a partire dal 13 aprile, ma i tempi si sono allungati grazie all’intervento di amministratori e sindacati.
(red.)

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome