Blocco scrutini nelle scuole: ecco la mappa di tutti i casi bresciani

0

La preoccupazione, evidente, è stata quella di non creare disagi a studenti e famiglie, ma lo sciopero della prima ora di lavoro degli insegnati impegnati negli scrutini è comunque riuscito a tenere viva l’attenzione sulla mobilitazione della scuola. Con la chiusura dell’anno scolastico e delle attività di valutazione e di programmazione, sindacati e lavoratori della scuola rischiano infatti di non averne più strumenti per impedire che cali il silenzio sul disegno di legge in discussione al Senato. In più di un caso i dirigenti scolastici hanno tentato di far rientrare l’agitazione minacciando la convocazione degli scrutini di domenica, ottenendo per tutta risposta un allargamento delle adesioni.

Il blocco totale si è verificato all’Einaudi di Chiari e al liceo De Andrè in città. Sempre a Brescia: al Leonardo sono stati 16 i docenti che hanno bloccato gli scrutini; al Copernico ferme le attività in 11 classi su 21. Scrutini bloccati anche per 9 classi al Liceo Fermi di Salò, per 4 classi all’Abba Ballini di Brescia e al Capirola di Leno. All’Istituto comprensivo Est 1 e 3 di Brescia 7 i docenti che hanno bloccato l’attività, 4 al Tartaglia Olivieri.

La protesta, indetta unitariamente da tutte le sigle sindacali presenti nella scuola, chiede al Governo e al Parlamento di ripensare la riforma, correggendone gli aspetti più controversi: dall’eccesso di potere discrezionale assegnato ai dirigenti fino all’invadenza della legge sui temi contrattuali.

Il dato bresciano sullo sciopero contribuisce a rafforzare il messaggio che unitariamente il mondo della scuola invia a Palazzo Chigi e a Palazzo Madama: “così com’è la riforma divide, scontenta, peggiora e demotiva. Tutto il contrario di ciò di cui ha bisogno un sistema educativo-formativo in grado di essere parte di un ambizioso progetto di crescita e di sviluppo del Paese”, tuonano i sindacati.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. un blocco che causerà problemi solo a studenti e insegnanti mentre le persone alle quali si rivolge se ne stanno comode a palazzo

  2. assurdo, davvero assurdo. andate a lavorare, va là e lasciate che la politica decida come riformare la scuola, la stessa che in molti insegnanti, con il loro immobilismo intellettuale, hanno distrutto a forza di lazzaronismo

  3. Il problema è che la scuola è lontana anni luce dal mondo reale e a forza di concessioni, di deroga, di passa là ha perso autorità, competenza, autorevolezza e non svolge più la meglio il proprio scopo. Qualunque governo abbia proposto una qualunque riforma è stato contestato a prescindere, sembra che l’importante per gli insegnanti sia salvaguardare lo status quo.

  4. Domanda: se non possono essere precettati, possono essere licenziati questi fannulloni? Un conto e’ protestare, un conto e’ bloccare un servizio pubblico. Licenziamenti!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome