Vino da tavola con etichette di alto profilo: multa per il titolare dell’azienda

0

E’ finito nei guai un bresciano titolare di un’azienda vitivinicola a Lazise: il Corpo Forestale dello Stato ha accertato che l’uomo vendeva bottiglie con etichette blasonate che non rispecchiavano il contenuto, che invece era semplice vino da tavola. Come scrive il Corsera, sono state trovate 500 bottiglie con etichetta la dicitura «Ripasso Bonarda», usurpando il termine «Ripasso», riservato alla denominazione di origine controllata «Valpolicella Ripasso». Ma anche uno spumante chiamato «Chiare’» che evoca il «Chiaretto» riservata ai vini a denominazione di origine, in particolare il Bardolino e il Garda. L’operazione è stata svolta in collaborazione con Siquria Spa, con il Consorzio Tutela del Bardolino e con il Consorzio Tutela dei Vini della Valpolicella di San Pietro in Cariano. Secondo la Forestale l’azienda applicava le etichette fasulle a seconda delle richieste e lo faceva da anni. Per il titolare è scattata una sanzione amministrativa.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome