Export bresciano in crescita (+3,5%) ma meno rispetto al trimestre precedente (-1,5%)

0

Nel primo trimestre del 2015, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite bresciane di beni sui mercati esteri risultano in diminuzione dell’1,5%; gli acquisti dall’estero sono in crescita del 4,4%. Nonostante il deprezzamento dell’euro, le esportazioni hanno subito una flessione che risulta in linea con la caduta del commercio estero internazionale.

Su base tendenziale, invece, le esportazioni crescono del 3,5% e le importazioni del 2,8%. In valore assoluto, ammontano, rispettivamente, a 3.588 e a 2.006 milioni di euro.

ESPORTAZIONI – Rispetto al primo trimestre del 2014, la tendenza positiva delle esportazioni è superiore sia a quella rilevata in Lombardia (+0,6%) che in Italia (+3,2%); la dinamica delle importazioni, positiva per quattro trimestri consecutivi, è in linea rispetto sia al dato regionale (+4,4%) che a quello nazionale (+2,2%). La crescita delle importazioni, che a Brescia è in atto ormai da un anno, è un segnale positivo: di una ripresa del ciclo produttivo, da parte delle imprese, e di una relativa maggiore vitalità della domanda, dal lato delle famiglie.

Tra i settori, l’aumento più significativo delle esportazioni, su base tendenziale, riguarda: apparecchi elettrici (+22,6%), mezzi di trasporto (+13,6%), sostanze e prodotti chimici (+12,2%), macchinari ed apparecchi (+7,7%).

La contrazione delle vendite all’estero di prodotti dell’agricoltura, silvicoltura e pesca (-21,7%) e dei prodotti alimentari, bevande e tabacco (-10,0%) contribuisce a frenare la crescita dell’export bresciano.

Tra i mercati di sbocco, i più dinamici sono: India (+34,7%), Turchia (+32,4%), Regno Unito (+21,9%), Spagna (+17,0%), Cina (+13,1%) e Stati Uniti (+11,2%). Calano sensibilmente le esportazioni verso il Brasile (-31,0%) e la Russia (-24,1%) e in maniera più contenuta verso alcuni Paesi UE (Francia, Paesi Bassi, Belgio). A livello geografico, in termini di quote, aumenta l’importanza delle aree: America settentrionale (6,8%), soprattutto per il tasso di cambio più favorevole, e Asia (10,3%).

IMPORTAZIONI – Per quanto riguarda le importazioni, risultano in espansione gli acquisti nei settori: computer, apparecchi elettronici e ottici (+50,7%), apparecchi elettrici (+25,3%), articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+20,0%), metalli di base e prodotti in metallo (+6,4%).

Le importazioni di coke e prodotti petroliferi raffinati (-50,2%), prodotti delle attività di trattamento dei rifiuti (-8,8%), prodotti dell’agricoltura, silvicoltura e pesca (-7,1%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (-4,1%) sono in diminuzione.

Gli acquisti di prodotti hanno principalmente coinvolto i mercati di: Russia (+62,3%), Cina (+48,4%), Paesi Bassi (+8,8%) e Spagna (+4,2%). Sono invece diminuite le importazioni da: Brasile (-59,6%), Stati Uniti (-42,9%), Algeria (-35,3%) e India (-21,5%). In termini di quote, risultano penalizzate le aree dell’Africa (2,9%) e dell’America settentrionale (1,5%) a favore di Europa UE a 28 (70,3%) e Asia (15,4%).

Il saldo commerciale è positivo (+1.582 milioni di euro), in aumento del 4,4% rispetto a quello del primo trimestre del 2014 (+1.516 milioni di euro).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome