Tignale passa all’attacco: class action contro Anas per le code perenni

0

La pazienza ha un limite, e quello dell’amministrazione di Tignale pare essere stato superato. Se la soluzione pensata per gli annosi problemi delle code che si formano lungo la Gardesana è quella dei semafori intelligenti, l’Anas dovrà cercare di farli funzionare. Sembra essere questo il pensiero del sindaco di Tignale Franco Negri che ha deciso di prendere di petto la situazione e promuovere una class action nei confronti di Anas. 

Dopo l’installazione dei semafori (leggi la notizia) le code lungo la strada non sono certe diminuite, anzi: per colpa di malfunzionamenti nell’impianto gli apparecchi non hanno per nulla migliorato i tempi di percorrenza dei poveri automobilisti, turisti o residenti, che si devono spostare per lavoro. Così, dopo anni di discussioni, proteste, polemiche e arrabbiature, il Comune promuoverà una raccolta firme da depositare a un legale che tutelerà ente e cittadini nei confronti di Anas, per chiedere un risarcimento per l’ora di coda quotidiana da sopportare. 
(red.)

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome