Rimborsi gonfiati, vertici Asl e associazioni di volontariato nel mirino della Procura

0

I vertici dell’Asl e i rappresentanti legali di 24 associazioni di volontariato del mondo sanitario nel mirino della Procura di Brescia. Sotto indagine sono i rimborsi richiesti ed erogati tra il 1° gennaio 2011 e il 30 giugno 2013: per il procuratore aggiunto Sandro Raimondi, le associazioni avrebbero fatto lievitare ii rimborsi kilometrici per il trasporto dei pazienti in quel periodo, prima che la normativa cambiasse. I capi d’accusa sono quindi, per i rappresentanti, di falso documentale e truffa aggravata, mentre per Carmelo Scarcella, direttore generale, e Francesco Vassallo, direttore sanitario di Asl, di abuso di ufficio. La truffa, secondo la Procura, ammonterebbe a 1 milione e 400mila euro. "Ci siamo sempre attenuti alle norme e alle linee guida indicate da Asl" si difendono oggi le associazioni coinvolte dichiarandolo all’Ansa. Intanto è stato disposto il sequestro dei conti corrente delle associazioni e il congelamento dei conti personali dei rappresentanti legali indagati.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome