Cure della speranza, Andolina interrogato per due ore. Gli altri non rispondono

0

Marino Andolina è l’unico dei cinque ai domiciliari per il caso sulla somministrazione di terapie con cellule staminali per malati affetti da gravi patologie neurodegenerative ad aver risposto alle domande dei giudici. Gli altri quattro si sono avvalsi della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia che si è svolto questa mattina nel Tribunale di Brescia.

L’inchiesta infatti è partita dalla Procura di Brescia e dalla pm Valeria Bolici. Andolina, che era già stato coinvolto nell’inchiesta sul caso Stamina, ha deciso di rispondere alle domande del pm Carlo Bianchetti ma non a quelle dei cronisti che lo attendevano fuori dal Palazzo di Giustizia che hanno ricevuto un semplice “speriamo bene” dal suo avvocato. Si sa solo che l’interrogatorio è andato avanti per due ore.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome