Indagini su Brescia – Catania, Antonio Caracciolo: infangato il mio nome

0

"È stato infangato il mio nome", così Antonio Caracciolo risponde alle ipotesi di coinvolgimento nell’inchiesta "I treni del gol" per la quale sono finite ai domiciliari sette persone, tra cui il presidente del Catania Nino Pulvirenti e l’ad Pablo Cosentino. "Sono persone che non conosco – tuona ancora Caracciolo rispetto alle figure di Fernando Antonio Arbotti e Piero Di Luzio, che gestivano i vari giri – e che non mi sono mai state presentate. Sono pronto ad andare in Procura, non ho nulla da nascondere".

 

La partita nel mirino della Procura sarebbe quella dello scorso 9 maggio Brescia-Catania finita 4-2 per le rondinelle. Caracciolo, nelle intercettazioni, corrisponderebbe al "treno numero tre", disposto ad accettare di truccare la partita.  Ma, ricordiamo, al momento nessun giocatore del Brescia risulta indagato nell’inchiesta che comunque sta facendo rimanere col fiato sospeso la società, in corsa per il ripescaggio. 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome