Boom di convegni e sit-in contro teoria gender, Brescia e Verona le più omofobe

0

Calcolatrice alla mano, l’Arcigay di Brescia ha scoperto che le due province “più omofobe” d’Italia sono Verona e Brescia. Almeno stando al numero dei convegni organizzati dai difensori delle famiglie tradizionali e contrari alle nozze omosessuali e ai sit-in delle Sentinelle in Piedi. Verona detiene il primato con 146 convegni contro il gender e 10 sedute delle sentinelle, ma Brescia è quasi al suo pari con 145 convegni e 10 sit-in omofobi, seguono Perugia e Milano. A quanto pare sotto Bologna i convegni sono praticamente nulli e anche la cattolica Bergamo non sembra molto interessata a combattere le unioni tra gay.

“Questi clericali sono un’assoluta minoranza sul totale dei cattolici, eppure stanno provando a fermare il vento con le mani – ha dichiarato Luca Trentini, bresciano e ex segretario nazionale dell’Arcigay al Corsera di Brescia -, dall’Irlanda agli Stati Uniti passando per il Messico, nelle ultime settimane registriamo aperture positive nei confronti delle persone LGBT”. In Italia, come in Grecia e nei territori russi e dell’Est Europa, invece, discutere di riconoscimenti delle unioni omosessuali, resta ancora un mero esercizio dialettico, tanto che trentini ha commentato: “Facciamo parte dell’ultimo baluardo di un gruppo di ultra-conservatori che non vuole garantire diritti alle minoranze e che incita all’odio e alla paura”.

Resta da capire il successo degli ultra-conservatori a Brescia e Verona. Trentini ha un’idea: “Gandolfini, portavoce del Family Day e medico bresciano, esercita grande fascino evocando la paura, inoltre a Brescia è stata coinvolta direttamente la comunità musulmana, che sorprendentemente si schiera insieme a Forza Nuova sul tema. Non solo: alcuni oratori e parrocchie provano a influenzare direttamente le scelte politiche come l’approvazione del registro delle Unioni Civili, al quale la Loggia ha detto sì pochi mesi fa. Mi rattrista, questa città ha dato i natali a Paolo VI, Papa di grandi aperture. Verona non è una sorpresa, è terra di movimenti di estrema destra tanto di successo quanto omofobi”.

Poi un’ultima stoccata alla teoria del gender che preoccupa tanto i manifestanti silenziosi delle Sentinelle in Piedi, Massimo Gandolfini, Mario Adinolfi e tutti gli altri organizzatori del Family Day di Roma: “Noi non neghiamo l’esistenza di un sesso biologico ma semplicemente crediamo che il sesso non basti a definire chi siamo – ha spiegato Trentini – noi vogliamo abbattere i modelli culturali di uomo e donna e arrivare alla piena parificazione dei sessi e al rispetto. Loro vogliono impedire alle coppie omosessuali di sposarsi. Li invito a fare un viaggio in Europa: le unioni civili sono permesse in tutti i paesi occidentali”. Tra l’altro, ha concluso Trentini: “Il libro cult di Costanza Miriano, figura di spicco dei clericali in questione, si intitola “Sposati e sii sottomessa”. Fate voi”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome