Brescia, scatta la psicosi da violenza sessuale sui cani: ma non c’è nessun maniaco

0

(e.bentivoglio) Continua l’allarme a San Polo dopo le notizie dei due cani husky che sarebbero stati rapiti, narcotizzati e violentati sessualmente. Nonostante nel primo caso non ci siano certezze (ma fonti ben informate lasciano intendere che non ci sia stata violenza) e nel secondo è stata addirittura la veterinaria del cane a confermare a BsNews.it che “non c’erano i presupposti per pensare ad alcuna sedazione da Valium o violenza”, la psicosi da zooerastia (la pratica parafiliaca umana di accoppiarsi o avere rapporti sessuali con animali) inizia già a farsi sentire.

Su Facebook ieri è comparsa l’immagine di un cartello scritto a penna dove qualcuno si premurava di mettere in guardia i padroni dei cani da possibili molestatori seriali: “Attenzione, dopo i due casi di violenza sessuale su due animali (vedi Bresciaoggi di sabato e domenica) chiediamo a coloro che notano qualcosa di strano di chiamare subito i Carabinieri o la Polizia Locale e di avvisare dell’accaduto tutti coloro che possiedono un cane (tipo amici o vicini di casa) – e poi l’appello ai proprietari dei cani – La notte non tenete fuori i vostri animali, sono in pericolo. Chiediamo la collaborazione di tutti”.

Nel quartiere di San Polo di certo sono in molti ad aver adottato misure “straordinarie” per difendere i propri animali dal rischio di essere rapiti, ma visto che i casi di violenza non sono mai stati confermati o addirittura smentiti è improbabile che esista un molestatore animale che si aggira per la città alla ricerca delle sue vittime.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome