Ammazza la moglie malata a coltellate e poi chiama il figlio: ho ucciso la mamma

0

A poche ore dalla tragedia di Lonato, questa notte un nuovo omicidio si è consumato a Lumezzane. Un uomo di 76 anni, Bruno Caprioli, ha ucciso la moglie settantenne, Natalina Baldini, per poi tentare di togliersi la vita senza successo con un cocktail di farmaci.

Si tratterebbe di un dramma famigliare, consumatasi dopo anni di sofferenza a causa della malattia mentale della moglie che costringeva l’uomo ad una vita d’inferno da 15 anni. L’uomo l’ha accoltellata in preda ad un raptus di follia intorno alle 6 del mattino, forse per mettere la parola fine alle loro sofferenze. Poi la telefonata al figlio: "Ho ucciso la mamma" e il tentativo di togliersi la vita ingerendo una serie di farmaci.

Soccorso dal 112, ora l’uomo è ricoverato all’ospedale Civile e questo pomeriggio sarà ascoltato dai carabinieri per poi essere trasportato in carcere. Nessuna indagine aperta sul caso.

ULTERIORI DETTAGLI NELLE PROSSIME ORE

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome