Green Hill, il pm chiede la condanna degli animalisti per furto, rapina e lesioni

9

Per i tredici animalisti che il 28 aprile di tre anni fecero irruzione nell’allevamento di Green Hill liberando 69 esemplari di beagles destinati alla vivisezione sono arrivate le richieste di condanna – dagli otto ai quattro anni – del pm Ambrogio Cassiano, che in precedenza si era occupato anche del processo contro i vertici dell’azienda, tutti già condannati.

Secondo il pm nel corso dell’assalto allo stabilimento gli animalisti hanno commesso diversi reati tra i quali: furto , rapina e lesioni. I difensori hanno chiesto però l’assoluzione dei propri imputati in quanto – hanno spiegato – il gesto è stato motivato dal tentativo di difendere gli dai maltrattamenti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

9 Commenti

  1. brutta la categoria degli animalisti, dietro l’amore per gli animali purtroppo si nasconde tanto odio nei confronti delle persone. per alcuni, ovviamente…questo è il caso. quei poveri cani non meritavano certo ne di essere uccisi, ne di soffrire ma la scienza ha bisogno del loro sacrificio per fare passi avanti e curare gli uomini.

  2. condivido in pieno il pensiero di mio parere. sei una grande persona, gli esseri viventi vanno amati e rispettati.buona giornata mio parere

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome