Umanesimo cristiano e del lavoro: tre incontri per raccontare la tradizione bresciana

0

Umanesimo cristiano e del lavoro nella tradizione bresciana in un ciclo di incontri ideati e progettati dall’economista Marco Vitale, presidente della Vitale Novello Zane insieme a Giacomo Scanzi, in qualità di storico e all’UCID Brescia, per il 10, 17 e 24 ottobre 2015, che si svolgeranno in luoghi diversi ed emblematici della città di Brescia (sedi, orari e programma dettagliato disponibile sul sito www.ucidbrescia.org/convegni2015/).

Dopo l’incontro di apertura che si è svolto sabato sulle radici più antiche del pensiero Cattolico Bresciano il prossimo appuntamento dal titolo “I protagonisti dell’ ‘800” si terrà sabato 10 ottobre al Centro pastorale in via Gezio Calini, 30, Brescia, con gli interventi di Edoardo Bressan e Giacomo Scanzi.

“Brescia conserva tra i suoi doni più preziosi “un deposito” di umanesimo cristiano e del lavoro e di cattolicesimo liberale di alto livello e significato” spiega Marco Vitale sottolineando che “è una tradizione che si va indebolendo e che è invece indispensabile recuperare, divulgare, attualizzare”.

Nasce da qui il progetto, con l’aiuto di studiosi qualificati, su alcuni dei passaggi e personaggi chiave di questa grande tradizione bresciana che, per la sua pregnanza e per il rilievo di alcuni dei protagonisti, ha un valore che va oltre la città. L’iniziativa non vuole essere solo opera di storici, ma di persone che guardano al futuro, nella consapevolezza che non ci può essere futuro positivo senza memoria. “Il ciclo si chiuderà infatti con una riflessione corale sulle nuove sfide cui ci troviamo di fronte e come le nostre radici possano aiutarci ad affrontarle” chiarisce Vitale.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome