Pareggio rocambolesco per il Brescia. Con l’Avellino finisce 3 a 3

0

Un pareggio rocambolesco contro l’Avellino: 3-3. E il Brescia centra il quinto risultato utile di fila, non senza soddisfazione. Per qualche minuto, certo, le rondinelle avevano sognato i tre punti, ma gli irpini hanno avuto diverse occasioni per chiudere l’incontro in loro favore e solo il caso ha salvato Brescia.

Il match si apre subito con l’Avellino in goal: Arini, sul secondo palo, non sbaglia il tap in vincente sul cross di D’Angelo (3′). Due minuti dopo è quasi pari: Embalo la butta dentro, ma l’arbitro annulla giustamente per fuorigioco. Il pareggio arriva comunque al 40′, Gejo approfitta di un pasticcio difensivo dei campani e infila il portiere avversario.

Nella ripresa nuovo vantaggio flash dei padroni di casa. Insigne è più lesto di tutti a intuire la direzione di un rimpallo e batte Minelli. Al 5′ gli irpini reclamano anche il rigore per un presunto fallo in area di Coly. Ma al 9′ Brescia pareggia con una girata vincente di Kupisz. E al 13′ si portano in vantaggio ancora con Kupisz, che raccoglie il cross di Rosso e insacca. Due minuti più tardi potrebbe essere addirittura 4-2 per le rondinelle, ma Frattali si supera negando il goal ad Antonio Caracciolo. Il 3-3, invece, arriva puntuale al 19′ con una bellissima azione personale di Bastien che parte da centrocampo, salta tre avversari e batte Minelli. Al 25′, ancora, solo il palo salva il portiere bresciano dal tiro di Mokulo.  

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. C’è stato pure a due minuti dalla fine un bel colpo di testa di Caracciolo (Andrea) con parata super del portiere avversario. L’impegno e la buona volontà sicuramente non mancano, ma il gioco e gli schemi paiono spesso alla “viva il parroco”. Non male comunque, nel complesso, ma tanta strada ancora da fare.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome