Pallata, un cancello all’inizio di corso Mameli obbliga i pedoni a fare la gincana

6

Questa mattina alla fine di corso Garibaldi, dove inizia corso Mameli, è comparso un cancello in battuto che obbliga le automobili alla svolta a destra, in via Pace, mentre per pedoni e biciclette è stato lasciato un piccolo passaggio aperto di un metro e mezzo (vedi immagine allegata all’articolo) sulla sinistra. Passaggio seguito immediatamente dalla rastrelliera per il posteggio delle biciclette che obbliga i pedoni a diverse gincane.
La novità non ha mancato certo di raccogliere le prime polemiche, sfogate per la maggior parte in rete. In particolare, un utente del gruppo Facebook “Brescia che non vorrei”, ha prontamente segnalato la novità corredata da una serie di immagini che provano la difficoltà del nuovo passaggio.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

6 Commenti

  1. mi sembra ovvio il motivo della scelta di mettere un cancello: non vogliono che passiate di lì…vogliono che le auto non si “sbaglino” ad entrare. vogliono che vengano rispettate le regole, ma a voi non piace e iniziate a lamentarvi.

  2. Il cancello c’era già da molto tempo ed era stato buttato giù da un’auto. Semplicemente questo il motivo per cui è stato riposizionato.

  3. e del bidone dell’immondizia che a pzza Loggia, lato est, costringe i disabili in carrozzella a transitare sull’acciottolato, come fatto notare ai vigili, che ne dite?

  4. io mi chiedo che problemi (seri) abbiano quei bambi di “brescia che non vorrei”…pietosi perbenisti! rimboccatevi le mani e fate l’amore invece di continuare con i vs scoop da strapazzo. schiavi degli smart phone

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome