Brescia che non vorrei: nuova esibizione oscena alla Pallata

6

Atti osceni in luogo pubblico in pieno giorno e in pieno centro storico (la Pallata). E’ quello che è stato “denunciato” da Marco Stellini, amministratore del gruppo “Brescia che non vorrei” è tornato a raccontare, dopo averlo già fatto qualche giorno fa, di una “nuova esibizione” pubblica da parte di un ragazzino, a quanto pare minorenne e di origine , che si sarebbe masturbato nella piazzetta all’intersezione tra corso Garibaldi e corso Goffredo Mameli.

A corredo del post anche un’immagine (sfuocata) del ragazzino con i pantaloni abbassati. Secondo qualcuno si tratterebbe di un minore con problemi psichici o legati all’abuso di sostante. In tal caso, ovviamente, prima ancora dell’intervento delle forze dell’ordine la questione toccherebbe le autorità sanitarie.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

6 Commenti

  1. ma che poverino…poverino io che giorno si e giorno no devo trovarmi uno che si fa una pippa davanti al mio negozio. altroché…

  2. Miticoooo MARCO STELLINI ….. STELLINI for SINDACO !!! E pensare che a vederlo sembra uno di quei poco raccomandabili dei MAGAZZINO 74 e invece è proprio una STELLA di persona che da anni combatte per il nostro centro storico ! Avanti tutta Marcoooooooooo

  3. Colgono nel segno i PAIASSI di “brescia che non vorrei”. Perche’ non segnalano PIUTTOSTO tutti gli schifosi che portano a scorrazzare le loro inutili bestie chiamate cani che PISCIANO e CACANO in ogni anfratto? Meglio la piscia umana o quella canina? rimboccatevi le mani e fate l’amore invece di continuare con i vs scoop da strapazzo. schiavi degli smart phone

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome