Nk di Ceto, i filati di alta qualità non decollano. A rischio settanta posti di lavoro

0

Settanta dipendenti della Nk di Ceto sono a rischio. Come riporta il Giornale di Brescia, la direzione della filatura camuna infatti ha comunicato al Cotonificio Albini di Bergamo, suo unico cliente, che interromperà anticipatamente la loro collaborazione a causa della perdita del mercato.

Quella delle due aziende era una sfida in un progetto di filati di altissima qualità per la quale la Nk aveva investito in macchinari e ricerca e che i lavoratori avevano concordato in un contratto sul ciclo continuo 7 giorni su 7 per consentire il massimo utilizzo dei nuovi macchinari. A gennaio era stato siglato un contratto di solidarietà “a fronte di investimenti e obiettivi a medio e lungo termine. Per questo la motivazione addotta dall’azienda relativa alla perdita di mercato non è credibile”, sottolineano i Cgil e Cisl in una nota.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. …il lavoro certo che c’e’!! , ma a causa delle tasse altissime , le aziende italiane sono obbbbbbligate a dislocare per poter competere con la Cina… altrimenti falliscono. E’ solo una questione di tasse insopportabili e cavilli burovratici insostenibili rispetto a tutti gli altri Stati del mondo. Quando i Signori sindacati lo capiranno smettendo di fare i finti tonti , la loro
    incaxxatura deve andare verso le Istituzioni e non verso le imprese. Se le imprese chiudono , la gente perde il osto di lavoro. Sveglia sindacati “endurmet” !!!!!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome