Simona uccisa a calci e pugni, il compagno in carcere: non ricordo nulla

2

Una storia d’amore malato finita in tragedia. E’ quella che ha unito Simona Simonini, uccisa nella mattinata di ieri nella sua casa di Provaglio d’Iseo, al compagno Elio Cadei, ora sottoposto al fermo per l’omicidio della donna.

La relazione andava avanti dal 2009 ed è stata segnata da diverse denunce reciproche per maltrattamenti, che hanno portato anche ad una condanna per due anni per l’uomo e ad una pena inferiore per la donna che, di fronte alle botte in due casi ha reagito tentando di uccidere il compagno.

Entro la fine della settimana il legale della famiglia di Simona avrebbe dovuto depositare una querela firmata dal padre di lei, anche lui vittima delle violenze di Elio Cadei. Ma ieri mattina è arrivata la telefonata: “Me l’hanno ammazzata”.

Elio Cadei, che ha chiamato i soccorsi, è rimasto per tutto il giorno dai Carabinieri dove ha cercato di ricostruire quel che era successo: “Ieri sera abbiamo preso psicofarmaci, forse alcol e non mi ricordo nulla”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

2 Commenti

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome