Conflitti di interesse, il Rettore Sergio Pecorelli si dimette dall’Aifa

0

Sospeso nelle scorse settimane dal suo incarico per conflitti di interesse, Sergio Pecorelli si è dimesso dalla carica di presidente dell’Aifa.

Il rettore risulta anche indagato dalla Procura di Brescia per un caso di abuso d’ufficio: nel mirino un bandito dall’Università di Brescia che sarebbe stato pilotato ad hoc per assumere una determinata persona. Pecorelli, indagato assieme ai membri della commissione universitaria,  il 28 novembre 2014 avrebbe favorito l’assunzione di Elisa Gregorini, già sotto contratto con l’Aifa, ex segretaria di Mariastella Gelmini al Ministero della Pubblica istruzione.

A chiedere le dimissioni al Rettore anche dall’incarico accademico, oltre al Movimento 5 Stelle. anche alcuni studenti che hanno protestato nell’aula magna dell’Università durante l’inaugurazione dell’anno accademico. 

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Dunque, la ex-segretaria dell’On.le Gelmini, già sotto contratto con l’AIFA di cui Pecorelli era fino a ieri Presidente, è stata assunta con concorso pilotato all’Università di Brescia dove Pecorelli è Siamo innocenti fino la terzo grado di giudizio, e tutti garantisti all’italiana. Ma, l’illustre bresciana On.le Glemini non haassolutamente nulla da dire ?

  2. non raccontiamola anche noi la balla. Il rettore all’AIFA probabilmente ha interrotto o ostacolato alcuni affarucci…. su dai. Pecorelli ha un curriculum degno di un rettore non si dimetta!!

  3. Certo che fa sorridere chi chiama balle dei fatti appurati ed evidenti come alcune storiche, simpatiche abitudini del bravissimo Pecorelli. Ecco, diciamo che stavolta ha un po’ esagerato in…simpatiche abitudini.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome