Giallo Marcheno, la moglie di Mario Bozzoli: speravo fosse ancora vivo

1

Saranno interrogati lunedì i due nipoti dell’imprenditore scomparso, Mario Bozzoli, e i due operai della fabbrica, tutti e quattro iscritti nel registro degli indagati. Dovranno rispondere di concorso in omicidio volontario e distruzione di cadavere.

Per ora solo indizi a loro carico e nessuna prova di colpevolezza: si sa però che tutti loro, quella sera dell’8 ottobre, erano presenti nel momento in cui Mario Bozzoli è stato visto vivo per l’ultima volta. Con loro anche , che è stato però trovato cadavere in Val Camonica.

Intanto per la prima volta parla al la moglie di Bozzoli: «La speranza che Mario fosse ancora vivo c’è sempre stata. Gli ultimi sviluppi hanno però gettato me e i miei figli nello sconforto» dice.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome