Caso Bozzoli, primi interrogatori per i due operai accusati di concorso in omicidio

1

Sono in corso in queste ore nella caserma dei carabinieri id piazza Tebaldo Brusato i primi interrogatori dei due operai della fonderia di Marcheno, accusati di concorso in omicidio volontario e distruzione del cadavere. I due, che la sera della scomparsa del titolare Mario Bozzoli erano entrambi di turno insieme a Giuseppe Ghirardini, trovato cadavere dopo una settimana ad un centinaio di chilometri di distanza per cause ancora da accertare, dovranno difendersi dalle accuse di omicidio volontario e distruzione del cadavere.

Ma non sono gli unici. Anche i due nipoti della vittima sono stati iscritti nel registro degli indagati e saranno sentiti nelle prossime ore, probabilmente dal pm titolare del caso, Alberto Rossi.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome