Alimentari, Confartigianato: nelle festività i bresciani hanno speso il 20% in più del 2014

0

Grazie a cenoni e feste celebrate con i propri cari, cresce la spesa per prodotti alimentari e bevande delle famiglie bresciane, con le vendite al dettaglio di prodotti alimentari superiori del 21,2% alla media mensile dell’anno.

L’Osservatorio di Confartigianato stima che la spesa di prodotti alimentari delle famiglie della a dicembre 2015 sarà di 297 milioni di euro, pari a 52 milioni di euro in più del consumo medio mensile. Il consumo annuo per gli alimentari in questo territorio ammonta invece a 2.946 milioni di euro. Stabile il numero di imprese artigiane attive nel settore alimentare a Brescia: sono 1.736 (al III° trimestre del 2015), lo 0,1% in più rispetto ad un anno prima. Per comparto, la maggior parte di esse sono rappresentate da pasticcerie, panifici e gelaterie (821, +0,9%); servizi di ristorazione e cibi d’asporto (721, -1,4%); aziende attive nella lavorazione e conservazione di carne (60, +3,4%); pasta (41, 2,5%); industria lattiero casearia (16, +23,1%); vini, distillerie e birra (15; +15,4%).

Per il presidente di Confartigianato Imprese Brescia e Orientale : "I prodotti alimentari bresciani sono vere eccellenze del territorio, lavorati da artigiani che credono in quello che fanno e da imprese che si sono dimostrate pronte a intercettare l’impennata dei consumi durante le ultime festività. Una dinamica positiva per la prima volta dopo 8 anni di cali consecutivi che ci fa ben sperare”.

A livello lombardo, il 16,6% della spesa media mensile familiare per beni e servizi è destinato ai prodotti alimentari e alle bevande, pari a 461 euro al mese per famiglia. A pesare maggiormente nel carrello della spesa dei lombardi sono i prodotti della carne, il 22,7% della spesa alimentare mensile, pari a 105 euro per famiglia. Seguono frutta e verdura per il 18,6%, pari a 86 euro per famiglia, quindi pane e cereali per il 17,1% (79 euro), latte, formaggi e uova per il 13,7% (63 euro), bevande per il 9,9% (46 euro), pesce per il 7,1% (33 euro), zucchero, caffè e drogheria per il 7,4% (34 euro) e infine oli e grassi per il 3,5% (16 euro).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome