Morta di parto, il marito e i famigliari: vogliamo la verità. Oggi i funerali

0

Il marito e i famigliari di Giovanna Lazzari, la mamma di 29anni di Rezzato deceduta a poche ore di distanza dalla bimba di 8 mesi che portava in grembo mentre si trovava all’ Civile di Brescia, non riescono a darsi pace e sono alla ricerca di qualunque risposta possa far capire loro cosa è successo tra la sera del 30 dicembre e le 13 del 31 dicembre quando i medici hanno constatato il decesso della donna dopo che qualche ora prima si erano accorti che il battito della bimba che portava dentro di sé, e che avrebbe dovuto nascere il 29 gennaio, non c’era più.

Che si tratti di errore da parte dei medici e del personale che ha seguito la donna sin dal suo arrivo in Pronto Soccorso o di una tragica fatalità sarà l’autopsia a dirlo. L’ipotesi più accreditata resta il distacco totale della placenta che prima avrebbe provocato la morte della bimba e successivamente anche quello della madre.

Tutto ha avuto inizio con alcuni sms di Giovanna al marito all’una e mezza di notte: “Sto malissimo”, “Ho dolori fortissimi”. Poi nel giro di una decina d’ora il duplice decesso di mamma e figlia e la rabbia dei famigliari, incapaci di capire cosa successo. “C’era un’emorragia, i medici hanno tentato di fermarla con le manovre tecniche, alla fine hanno dovuto fare un’isterectomia: alla tredici hanno constatato il decesso”, ha dichiarato Frida Fangandini, direttore sanitario generale del Civile.

Il ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin ha inviato a Brescia una task force con l’obiettivo di capire perché sia successo quel che è successo. Intanto oggi a Rezzato alle 15 si terranno i funerali di Giovanna.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome