Cocaina rubata dal commissariato Carmine, chiesti 5 anni per il poliziotto

0

La sentenza contro l’assistente capo di Polizia, arrestato e finito ai domiciliari il 4 novembre del 2014 con l’accusa di , è attesa per il prossimo 23 marzo. Secondo l’accusa, che ha chiesto cinque anni di condanna, il poliziotto di servizio al commissariato Carmine, avrebbe rubato due etti di cocaina dall’armadio dove venivano custoditi i corpi del reati.

I sospetti nei confronti del poliziotto erano partiti dalle segnalazioni della ex amante dell’uomo che aveva riferito come fosse stato lui stesso a raccontarle che faceva sparire la cocaina sostituendola con il bicarbonato. Stando alle verifiche successive “le buste contenute nell’armadio erano state visibilmente manomesse” e gli inquirenti non credono al complotto che lo stesso poliziotto ha raccontato di essere vittima.

Per la difesa, gli Alberto Scapaticci e Alessandro Bertoli invece, “mancano le prove” che sia stato proprio il loro assistito a rubare la . Al momento il poliziotto è ancora soggetto all’obbligo di firma.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome